La generosità dei nostri Soci e Clienti per la Caritas

Un carrello della spesa che continua a riempirsi di generi di prima necessità grazie alle donazioni dei soci e clienti di Coop Casarsa a favore della Caritas parrocchiale diventa un simbolo della solidarietà che non si spegne nemmeno nei momenti di difficoltà. A Casarsa della Delizia è infatti attiva una microrealizzazione parrocchiale nella sede della storica cooperativa di consumo casarsese che mette a disposizione della propria clientela un carrello vuoto dove riporre gli alimenti da regalare alle famiglie in difficoltà che poi verranno consegnati direttamente dalle mani dei volontari della Caritas casarsese.

“Nonostante il periodo difficile che tutti stiamo vivendo – ha detto Mauro Praturlon, il presidente di Coop Casarsa – siamo orgogliosi di poter dire che la generosità dei casarsesi non è mai venuta meno e quel carrello all’ingresso dei nostri negozi, continua giorno dopo giorno a riempirsi di alimenti di prima necessità o prodotti per l’igiene personale. Ringraziamo i volontari della Caritas per il loro importante servizio e vogliamo fare elogio ai tanti casarsesi che, quando fanno la spesa nei nostri supermercati, non dimenticano chi ha più bisogno: un gesto concreto di solidarietà dei nostri soci e clienti che è alla base dei nostri valori come cooperativa sociale e di cui ne andiamo molto fieri”.

Notevoli i numeri, appena forniti dalla Caritas parrocchiale di Casarsa della Delizia, della raccolta alimentare che consentono di assicurare una borsa spesa periodica con beni di prima necessità alle famiglie seguite: oltre a centinaia di chili di pane fresco, frutta e verdura, nel corso del 2020 sono stati donati quasi cinquecento litri di latte e duecento di olio, oltre una tonnellata tra pasta, riso, cous cous, farine, zucchero e caffè, cinque quintali tra passata di pomodoro, condimenti, legumi e cereali, un centinaio di chilogrammi di tonno in scatola e quasi trecento tra fette biscottate, grissini biscotti e dolciumi assortiti. Sempre presenti nel carrello anche alimenti per l’infanzia e soprattutto omogeneizzati: ne sono stati donati oltre trecento vasetti. Quasi duecento le confezioni di altri generi alimentari, anche freschi, tra cui uova, salumi, carne e formaggi. Una sessantina le confezioni di detersivo per la casa e prodotti per l’igiene personale.

“In questo primo trimestre dell’anno la raccolta alimentare è andata avanti – aggiungono dalla Caritas parrocchiale casarsese – e tutt’ora prosegue con rinnovata generosità, affiancata dalle donazioni che molte persone e famiglie fanno pervenire pure in chiesa, chiedendo spesso di rimanere anonime. Un grazie a tutte queste persone di buona volontà che in molte forme ci raggiungono con la loro concreta solidarietà”.