03.08.2019

COOP CASARSA COMPIE 100 ANNI

Compie 100 anni la Cooperativa di Consumo di Casarsa, realtà tra le più importanti del panorama della cooperazione del Friuli Venezia Giulia: nel suo secolo di vita, che cadrà il 3 agosto, ha superato difficoltà (come i bombardamenti che ne danneggiarono la sede nella Seconda Guerra Mondiale), portato innovazione (fu tra le prime realtà a introdurre in regione il self service per i clienti tramite gli scaffali negli anni Cinquanta), salvato il servizio della spesa quotidiana e i livelli occupazionali in varie piccole realtà (come quelle colpite dalla crisi di Cooperative Operaie e Carnica a metà dell'attuale decennio) e servito illustri clienti (su tutti Pier Paolo Pasolini, che apprezzava il salame nostrano della cooperativa, tanto da descriverlo come "fiabesco" in un noto scritto).
Questo e tanto altro ancora sarà celebrato nella serie di appuntamenti che da agosto alla fine dell'anno coinvolgeranno le realtà servite dalla cooperativa, la quale ora vanta 16 mila soci, 120 dipendenti e 14 punti vendita tra le province di Pordenone (Casarsa, San Giovanni di Casarsa, San Martino al Tagliamento, Fiume Veneto, Cordovado, Lestans, San Quirino, Marsure e Pravisdomini), Udine (Goricizza, Porpetto, Ruda e Faedis) e Treviso (Francenigo).

"E tutto - ha dichiarato il presidente Mauro Praturlon - è iniziato con il coraggio di 12 soci fondatori che il 3 agosto 1919, in una Casarsa ancora provata dal passaggio per due volte in un anno sul suo territorio del fronte della Grande guerra da poco conclusa, si unirono per dare una risposta alle famiglie casarsesi che necessitavano di prodotti di prima necessità a un prezzo accessibile. L'idea funzionò talmente bene che già il 30 settembre altri 367 aderenti firmarono il libro soci. Da allora ne abbiamo fatta di strada, rimanendo però sempre fedeli alle nostre radici che celebreremo con una serie di appuntamenti a partire dal 3 agosto giorno in cui, oltre alle celebrazioni ufficiali offriremo a tutti i clienti un rinfresco nei punti vendita e ai soci sconti speciali, proseguendo poi, solo per citarne alcuni eventi, con un incontro sulla buona alimentazione il 3 ottobre insieme a Credima e il 30 novembre con un convegno su passato, presente e futuro della cooperazione di consumo con illustri relatori e la presentazione del libro dedicato al centenario". 

L'ATTO COSTITUTIVO I soci fondatori furono Tomè Luigi fu Vincenzo (eletto poi primo presidente), Colussi Giacomo di Antonio, Tomè Giovanni fu Vincenzo, Colussi Anselmo fu Gioacchino, Bertolin Angelo fu Vincenzo, Colussi Valentino fu Pietro, Colussi Valentino fu Vincenzo, Tesolin Giovanni fu Giuseppe, Fantin Valentino fu Antonio, Querin Giovanni di Agostino, Portolan Luigi fu Angelo, Morasutti Osvaldo. Nello statuto costitutivo (da non dimenticare come la parrocchia fu loro vicina nella fase costituente con il parroco Giovanni Maria Stefanini) firmato quel 3 agosto del 1919 si legge come, per loro, la cooperativa era molto di più che un semplice luogo dove fare acquisti: "Detta Società si prefigge non solo lo scopo di vendere generi di consumo, alle migliori condizioni ai soci..., ma è diretta altresì a promuovere, con i mezzi possibili, il benessere intellettuale, morale e materiale dei soci stessi". Un dna cooperativo presente da sempre quindi nella comunità di Casarsa, la quale vanta una delle più alte percentuali nazionali di cooperative attive per numero di abitanti (circa 1 ogni mille abitanti). Il primo spaccio fu aperto nell'ambito di piazza Italia/via XXIV maggio dove ancora adesso, in seguito a due cambi di sede, si trova Coop Casarsa.
LE BOMBE Casarsa, punto strategico per le tratte ferroviarie che vi convergono, fu occupata dall'esercito tedesco dopo il 1943 e per questo patì i bombordamenti degli Alleati. Le bombe danneggiarono anche lo spaccio della cooperativa, che per un certo periodo si trasferì nella vicina San Lorenzo di Valvasone (poi dopo la guerra in Comune di Arzene). Finito il conflitto, la sede casarsese fu ricostruita ma con gli anni della rinascita d'Italia e del successivo boom, occorreva realizzare una nuova sede.
ESPANSIONE Ecco quindi nel 1959 l'inaugurazione della nuova sede, di fronte a quella precedente in piazza Italia e con la novità degli scaffali dove i clienti potevano servirsi da soli, senza attendere il commesso di turno: una vera e propria rivoluzione nei consumi, di cui Coop Casarsa fu tra gli antesignani in Friuli Venezia Giulia pure quando poi, nel 1978, aprì il nuovo punto vendita di San Giovanni, primo supermercato in termini moderni dell'allora provincia di Pordenone. Da lì una serie di nuove aperture, fusioni e acquisizioni ha portato all'attuale distribuzione su tutto il territorio friulano e del vicino Veneto. Nel 2016 si diede anche un futuro alle comunità e ai dipendenti dei negozi di San Quirino, Marsure e Faedis, colpiti dalla fine delle Cooperative Operaie e Carniche: per loro l'arrivo di Coop Casarsa è stato un importante momento di salvaguardia dei servizi sul territorio. 
PASOLINI E come detto, lo stesso Pier Paolo Pasolini, la cui casa materna sorge a pochi metri dalla sede della cooperativa (sia le due precedenti citate che quella nuova, datata 1994, con galleria commerciale, altro primato di Coop Casarsa), frequentava lo spaccio durante il suo periodo friulano. Tanto da confessare, in uno scritto pubblicato sul libro del Cinquantenario della cooperativa (datato 1969) come amasse il salame servito dal primo direttore, Lorenzo Biasutti, all'interno di un profondo ragionamento sulla perdita dell'innocenza, tanto caro al poeta e intellettuale.

"La Cooperativa? La Latteria?
Per me sono due luoghi dello spirito
che oramai frequento nei sogni.
Nella Cooperativa, luogo sacro posto
sulla strada che va verso il Tagliamento,
poco prima di una pompa c'era, ecco
Sior Lorenzo e un fiabesco profumo di salame…
Ciò che è andato veramente perduto sia nella Casarsa della realtà
che nella Casarsa dei sogni, sono le rogge.
E queste le rimpiangerò tutta la vita.
Con la Latteria e la Cooperativa,
le rogge sono “cose di un tempo”,
anteriori alla trasformazione capitalistica,
e cioè perdute nei secoli dell'epoca contadina
senza soluzione di continuità con le selve romanze,
con le invasioni dei barbari, con la chiesa di Cristo.
Ora tutto ciò è finito, in una rapida evoluzione, di cui ci vantiamo.
E tuttavia non vogliamo, ancora, arrenderci e dimenticare".

CRONISTORIA Ecco alcuni degli avvenimenti occorsi nel secolo di vita per Coop Casarsa: si tratta solamente di una sintesi visto che sono molte le cose successe in questi cento anni: 1919 Nasce la Cooperativa di Casarsa e viene aperto il primo spaccio; 1944 La Cooperativa è costretta a sfollare a San Lorenzo a causa dei bombardamenti; 1948 Riapre lo spaccio della Cooperativa in via XXIV Maggio; 1959 Viene inaugurata la nuova sede della Cooperativa di Casarsa in piazza Italia; 1960 Cooperativa e Forno rurale di Casarsa si fondono; 1969 La Cooperativa di Casarsa festeggia i suoi primi 50 anni con una grande cerimonia al cinema Delizia; 1978 Viene aperto il secondo punto vendita, il discount Coop di San Giovanni; 1981 Coop San Martino unisce le forze con Coop Casarsa e dopo i lavori verrà inaugurato il nuovo supermercato di via delle Pozze; 1983 Inaugurato il centro distribuzione Coop del Ponterosso; 1985 Coop Casarsa apre un altro discount a Fiume Veneto; 1992 Nuovo negozio Coop Casarsa a Cordovado; 1994 A Casarsa viene inaugurata la nuova sede centrale della Cooperativa con supermercato in via XXIV maggio; 2003 Coop Casarsa, in sinergia con la locale cooperativa. inaugura il nuovo negozio di Goricizza recuperando la vecchia filanda del paese; 2007 Coop Casarsa arriva a Lestans, con la cui cooperativa unisce le forze; 2009 Nuovo supermercato a Porpetto e sinergia con la cooperativa locale; 2010 Inizia la sinergia con Coop Ruda con potenziamento del negozio storico; 2011 Apertura del nuovo punto vendita di Francenigo, il primo in Veneto. Nasce il Distretto soci a Fiume Veneto; 2013 Prime elezioni del Cda con le nuove regole statutarie; 2014 Inaugurazione nuovo negozio di Pravisdomini; 2016 Inaugurazione nuovi negozi di San Quirino, Marsure e Faedis; 2017 Inaugurazione corner prodotti del territorio e Aqua; 2018 Punti vendita più moderni dopo lavori restyling; 2019 Celebrazioni per il centenario.
ritorna alla sezione Notizie »